lunedì 30 novembre 2015

KEFIR D'ACQUA

Reazioni: 



Il Kefir è un prodotto tipico delle regioni caucasiche caratterizzate dalla longevità dei propri abitanti. Il Caucaso è l'unica regione del mondo dove la popolazione ha una tale alta quota d'invecchiamento in buona salute. Questa bevanda, molto simile per principi attivi allo yogurt, ha delle proprietà terapeutiche molto interessanti e spesso viene usato come antinfiammatorio naturale e come regolatore della digestione. Inoltre, ha un ottimo sapore!

I fermenti Kefir non sono altro che batteri, quando si trovano nelle giuste condizioni ambientali (calore, presenza di zuccheri, ecc.) si riproducono a un ritmo molto elevato. Con condizioni di temperatura quali quella ambiente (18-25 gradi centigradi) essi raddoppiano il loro numero e quindi il loro volume in circa 24 ore. In questa situazione parecchi di essi muoiono ma questi vengono prontamente sostituiti da nuovi micro organismi.

Questa bevanda stimola quindi il sistema immunitario intestinale con benefici effetti sul sistema immunitario di tutto il corpo in quanto funziona da riequilibratore della flora batterica intestinale, impedendo la decomposizione e la putrefazione del bolo nell´intestino.

Il kefir d'acqua può essere utilizzato come coadiuvante nella cura di varie patologie:

Malattie di nervi periferici
Ulcere gastriche e duodenali
Catarro bronchiale
Artereosclerosi ipercolesterolizzante
Malattie epatiche e biliari
Malattie renali
Malattie dello stomaco e dell´intestino
Diarrea
Stipsi
Eczemi



Preparazione

• 1 caraffa di vetro - capacità 1 litro
• 1 colino
• 1 litro di acqua
• 1 fico secco naturali (coltivazione biologica)
• 1/2 limone naturale (coltivazione biologica)
• 3 cucchiai di fermenti Kefir
• 2 cucchiai di zucchero di canna, il tipo più chiaro



- Introdurre i fermenti Kefir nella caraffa, mettere i 2 cucchiai di zucchero di canna e poi riempire di acqua naturale o minerale naturale non gassata.
- miscelare accuratamente il tutto, ricoprire la caraffa appoggiando sopra una salvietta di cotone o di carta e con un elastico fermarla attorno il collo della caraffa quindi riporre il tutto in un ambiente moderatamente riscaldato (in una credenza della cucina per esempio)
- a fermentazione ultimata, se si desidera si può spremere bene il limone nella caraffa, oppure si elimina la frutta secca e il limone dalla bevanda e con colino metallico filtrare direttamente in una bottiglia di vetro che prontamente si riporrà in frigorifero
- attenzione! Non tappare ermeticamente il contenitore di vetro, poiché il processo di fermentazione della bevanda sviluppa quantità significative di anidride carbonica
- conservare il Kefir d'acqua sempre e solo in frigorifero.

Lava accuratamente il vaso e risciacqua abbondantemente sotto acqua corrente i fermenti. Procedi alla preparazione di una nuova quantità di prodotto eliminando i fermenti in eccesso, questi saranno ancora utilizzabili come fertilizzante biologico per vegetali e fiori oppure conservati in frigorifero dentro ad un barattolo con dello zucchero di canna.

lunedì 23 novembre 2015

Torta al cioccolato.....veloce!!!

Reazioni: 

Questa torta è una cosa fenomenale!!!!
Non pensavo fosse così buona visto la facilità di preparazione ma mi sbagliavo :-)
tante volte si pensa che più lavoro e tempo ci si mette a preparare una cosa più buona deve essere....ma non è sempre così!

Ingredienti:
- 200 gr di farina (io di solito mixo farina di farro, integrale, bianca...)
- 60 gr di cacao amaro in polvere
- 180 gr di zucchero di canna
- 2 uova
- 100 ml di olio di semi di girasole
-  200 ml di latte (anche vegetale volendo)
- 1 bustina di lievito
- vaniglia

In una ciotola bella capiente versare le uova e mescolarle con l'olio, il latte e la vaniglia.
Aggiungere la farina, lo zucchero, il cacao e il lievito e mescolare con una frusta in modo energico per un minuto fino ad avere un impasto omogeneo.
Infornare a 150° per 30 minuti circa.

Resta morbidissima per giorni!

Buon appetito!!

lunedì 9 novembre 2015

Mercatino dei dolci....e dei lavoretti

Reazioni: 
A proposito....ho portato anche questi cestini fatti con carta di giornale....produzioni fatte esattamente 1 anno fa quando avevo entrambi i piedi infortunati!!!
Se non si possono usare i piedi si usano le mani....hihihi :-)

Mercatino dei dolci

Reazioni: 
Questa carrellata di dolci ma è il frutto di un pomeriggio di lavoro per la scuola dell'infanzia del mio piccolo paese!!!
Siccome lo Stato destina "seeeeeeempre più soldi" per le nostre scuole (era una battuta.....si era capito spero :-p) allora i genitori si devono inventare qualche modo per raccogliere fondi per acquistare materiale scolastico (anche carta igienica, scottex, ecc....)
E così con un mercatino fuori dalla chiesa la domenica mattina si sono raccolti un po di spiccioli per far fronte all'inizio di questo nuovo anno di scuola.
torta integrale all'acqua - torta di mais e limone - torta pere e cioccolato
cornetti di pasta sfoglia con crema e cioccolato
biscotti agli agrumi
crostata morbida alla marmellata - torta di carote
macarons
amaretti morbidi
muffin alle carote


Cioccolata con i datteri

Reazioni: 
Buongiorno!!!
siccome a me piace sempre sperimentare cose nuove....girovagando sul web ho trovato questo buonissima cioccolata che, come si noterà dal titolo, è fatta da una base di datteri....
E' molto semplice da fare.
Si devono mettere in ammollo 100 gr di datteri, in acqua calda, la sera prima del giorno in cui si decide di prepararla. Il mattino seguente si scolano e si strizzano un po', si mettono in un frullatore con 1/4 di bicchiere di latte vegetale, si frulla per bene, si aggiunge 1 o 2 cucchiaini di cacao in polvere (in base al proprio gusto), un'altro giro di frullatore ed è pronta.
Si conserva in frigorifero in un vasetto ben chiuso per circa 2 settimane.

Fonte: http://www.veganinchic.com/dolci-in-pochi-istanti/cioccolata-di-datteri/

Carrozzina con i pannolini

Reazioni: 
Come primo esperimento mi è riuscito bene!
Certo che fa il suo effetto e la mamma di Rebecca è stata felcissima del regalo!

giovedì 29 ottobre 2015

Formaggio spalmabile vegano

Reazioni: 
Come spesso accade da un errore si copre qualcosa di meglio!
Infatti volevo fare la mozzarella vegana però devo aver sbagliato qualcosa nel procedimento......allora cosa facciamo....buttiamo tutto?!? non se ne parla!!!!
quindi ho preso delle fette di pane tostate, mo steso questa crema a base di farina di mandorle, un po' di sale aromatizzato alle erbe e pomodorini secchi spezzettati sopra.
Buona veramente....anche mio marito che non gli piacciono tanto questi esperimenti ha detto che è veramente ottima!!! 

giovedì 15 ottobre 2015

Torta zebrata

Reazioni: 

Buona, leggera, vegana!
Unica modifica....ho sostituito la farina di grano tenero con farina di farro!
sotto trovate il link con ingredienti e procedimento :-)

http://blog.giallozafferano.it/crisemaxincucina/torta-allacqua-zebrata-ricetta-light/

Il sale.....

Reazioni: 
Forse a voi sembrerà una stupidaggine però......
io salo poco gli alimenti perchè il sale fa male, quindi cerco di usarne poco.....però se quel poco che usiamo lo prendiamo di qualità allora ne guadagna anche la nostra salute!
Ecco un elenco delle proprietà dei vari sali che vedete in foto.

  • Sale Rosa dell’Himalaya: è considerato il sale più pregiato. Il sale Himalayano non è un comune sale marino, ma si tratta di una formazione cristallina che risale a circa 250 milioni di anni fa e che ha una struttura particolare dovuta alle elevate pressioni a cui è stato sottoposto. Il tipo di processo di formazione che l’ha trasformato in cristallo, ha permesso al sale himalayano di assorbire e inglobare oligoelementi che sono preziosi per l’organismo.Venne scoperto verso il 350 A.C. dalle popolazioni locali che notarono strati di sale che affioravano naturalmente dalla terra. Puro con i suoi 84 elementi naturali ed oligoelementi, è prezioso per ripristinare il nostro equilibrio e rimuovere le scorie che accumuliamo anche assumendo sali da cucina industriali. E’ privo di additivi e delle sostanze inquinanti che impoveriscono il sale marino E’ l’unico che contenga tutti gli oligoelementi di cui abbiamo bisogno nelle giuste proporzionie, cosa non da poco, non è raffinato, cioè non è trattato chimicamente in alcun modo. Il sale rosa dell’Himalaya ha un gusto meno aggressivo e non copre i sapori degli altri cibi, ma li accompagna e li esalta. Questo sale è completamente assimilabile dall’intestino, il quale non deve impegnarsi per scinderlo in parti più piccole, ma riesce quindi a digerirlo subito. Grazie agli oligoelementi presenti (a differenza del sale tradizionale, puro cloruro di sodio) non crea ritenzione idrica. Particolarmente indicato sulla carne. Si usa anche per la preparazione di soluzioni idrosaline e in trattamenti benessere.
  • Sale Blu di Persia: E’ una salgemma naturale che proviene dalle millenarie miniere di sale dell’Iran. E’ molto raro e la sua particolare colorazione è dovuta alla silvinite, minerale che normalmente si presenta di colore giallo o rosa e che soltanto rarissimamente prende la tonalità blu. Si caratterizza per una decisa sapidità ed un retrogusto leggermente speziato. Macinato al momento, lo si utilizza come un comune sale da tavola per condire, oppure in grani, per decorare piatti ricercati. Il sale Blu di Persia è naturalmente ricco di potassio e cloro.
  • Sale Rosso delle Hawaii: Alaea è il tradizionale sale da tavola Hawaiano, che prende il nome da un minerale naturale, un’argilla rossa di origine vulcanica (1%). Durante il processo di evaporazione l’argilla arricchisce il sale di ferro, conferendogli il suo caratteristico colore rosso. Ha una vivace sapidità unita ad un retrogusto leggermente ferroso, dato dal contenuto di ferro fino a cinque volte superiore a quello contenuto nel sale comune. Gli indigeni delle isole lo usano per condire i loro piatti tipici (come il Kalua Pig, il Poke e l’Hawaiian Jerky). Per il suo sapore èparticolarmente adatto ad accompagnare carne grigliata o arrostita e pesce grigliato. Si può anche utilizzare come decorazione di accompagnamento a vari piatti.
  • Sale Grigio di Bretagna: questo sale viene prodotto a sud della Bretagna, sulla costa atlantica francese, in “labirinti”, ovvero costruzioni d’argilla lungo le coste dell’oceano. Il colore è dovuto ad una particolare tipologia di argilla che depositandosi sui fondali delle saline va a nutrire il sale e a donargli, assieme ai minerali , la caratteristica colorazione grigiastra. Dal punto di vista nutrizionale il Sale Grigio di Bretagna, rispetto al sale marino tradizionale, è più ricco di sali minerali e più povero di sodio. Eccellente con le verdure bollite.
  • Sale Nero di Cipro: si tratta di un sale raccolto dalle acque dell’isola di Cipro. Questo sale viene arricchito con carbone vegetale ottenuto dalla combustione delle cortecce di legno dolce, quali tiglio, betulla e salice che gli conferiscono il tipico colore. La sostanza ha un forte potere assorbente che viene sfruttato nella cura di malattie intestinali, intossicazioni e avvelenamento. L’aggiunta del carbone vegetale al sale gli conferisce quindi un blando potere detossinante. Ideale per pesce bianco, patate dolci fritte, uova e zuppe. Si utilizza anche come decorazione.

lunedì 5 ottobre 2015

Banane troppo mature???

Reazioni: 
Avete delle banane troppo mature che nessuno vuole mangiare???
Fateci una torta!!!

Ricettina semplice semplice, anche per chi è vegano.

- 4 banane mature
- 200 gr di zucchero di canna
- mezzo bicchiere di acqua
- mezzo bicchiere di olio evo
- 300 gr di farina (io ho mixato farina di riso, farina integrale, farina di grano saraceno, farina di farro tutto a occhio)
- 1 bustina di lievito

Frullate bene le banane con l'olio e l'acqua, aggiungete gli ingredienti secchi e mescolate bene fino a che non è tutto incorporato, senza grumi.
Infornare a 150 gradi per mezz'ora circa.

Buon Appetito!!!



giovedì 1 ottobre 2015

Santa Teresina di Gesù Bambino e del Volto Santo

Reazioni: 











Oggi volevo condividere con voi, come riconoscenza dell'aiuto che mi sta dando e per come mi sta vicino da quando ero piccola, questa mia amica . Oggi è la sua festa e mi sembra doveroso verso Lei farvela conoscere!!! 

Santa Teresina

Vi consiglio di seguire la sua piccola via che vi porterà soltanto del bene e se avete qualsiasi tipo di problema che vi affligge....affidatevi al suo aiuto!!!! Lei vi risponderà sempre.....abbiate fede in Lei e nel suo amore verso Gesù! 
NOVENA DELLE ROSE IN ONORE DI S. TERESA DI GESÙ BAMBINO
"Passerò il mio Cielo a fare del bene sulla terra. Farò scendere una pioggia di rose."
Il Padre Putigan, S.J., il 3 dicembre 1925, cominciò una novena chiedendo una grazia importante. Per sapere se veniva esaudito, chiese un segno. Desiderava ricevere una rosa in dono quale garanzia di avere ottenuto la grazia. Non fece parola con nessuno della novena che stava facendo. Al terzo giorno, ricevette la rosa richiesta ed ottenne la grazia. Cominciò un'altra novena. Ricevette un'altra rosa e un'altra grazia. Allora prese la decisione di diffondere la novena "miracolosa" detta delle rose. Oggi in tutto il mondo si pratica questa novena... Si può incominciare in qualsiasi giorno del mese. Di solito, devoti ed amici di Teresina, lo fanno dal 9 al 17 di ogni mese.

PREGHIERA PER LA NOVENA

Petali di RosaSantissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, io vi ringrazio per tutti i favori e le grazie di cui avete arricchito l'anima della vostra serva Santa Teresa di Gesù Bambino del Volto Santo, Dottore della Chiesa, durante i suoi ventiquattro anni trascorsi su questa terra e, per i meriti di questa vostra Santa Serva, concedetemi  la grazia che ardentemente desidero
(qui si formula la grazia che si vuol ricevere),
se è conforme alla vostra santa volontà e per il bene della mia anima.
Aiutate la mia fede e la mia speranza, o Santa Teresa di Gesù Bambino del Volto Santo; realizzate ancora una volta la vostra promessa di passare il vostro cielo a fare del bene sulla terra, permettendo che io riceva una rosa come segno della grazia che desidero ottenere.
Si recitano 24 "Gloria al Padre..." in ringraziamento a Dio dei doni concessi a Teresa nei ventiquatro anni della sua vita terrena. Segue ad ogni "Gloria" l'invocazione "Santa Teresa di Gesù Bmbino del Volto Santo, prega per noi".

Recupeo e riciclo

Reazioni: 
Questo è un progettino che avevo in mente da un po'.......
invece di buttare il vecchio cesto della biancheria, che poveretto mi accompagna da 16 anni, sempre carico e strabordante di vestiti (ora che siamo a quota 5 ^_^).....
ho pensato di rinnovarlo dandogli un'aria un po'....africana....hihihi :-)

da semplice bianco  
con un po' di spray color cioccolato e qualche immagine in carta di riso
ecco il risultato!!!!

lunedì 28 settembre 2015

Domenica mattina produttiva!!!

Reazioni: 
Ieri è stata una mattina di autoproduzione con relativi esperimenti!!!
Per prima cosa abbiamo fatto i detersivi: igienizzante per il bagno e universale per vetri e superfici
poi torta con farina di grano saraceno, farina di riso, senza burro e uova (olio evo) e con mirtilli rossi e bacche di Goji


e per pranzo una vellutata di verdure con miglio (dentro ci ho nascosto anche alghe e germogli)
veramente buona!!! 
Mi baso sempre sul gusto dei miei figli, che sono parecchio delicati.....hanno fatto il bis!!!
Quindi SODDIFAZIONEEEEE  :-)


giovedì 10 settembre 2015

Zucca e Batata

Reazioni: 
Non è un errore di battitura.....si chiama proprio così Batata!
Scoperta x caso al negozio Bio è diventata un elemento importante nella nostra tavola. Vi elenco le sue proprietà. Aggiunta alla minestra di verdura insieme alla zucca e poi tutto frullato diventa una vellutata dolcissima che piace anche ai bambini più restii alle verdure....provato!!!! :-)

Originaria dell’America del Sud e arrivata nel vecchio continente grazie a Cristoforo Colombo, la batata contiene tantissime sostanze utili al nostro organismo come fibrevitamine A e C (e in minore quantità B ed E), proteine,potassiomagnesioferro e calcio. La Ipomea batatas, questo il suo termine botanico, è inoltre ricca di flavonoidi e antociani ha un grande potere antiossidante e anti-aging. Non è un caso infatti che alcune creme anti rughe contengano un estratto di questo tubero.
L'associazione americana CSPI (Center of Science in the Public Interest) in una classifica sui vegetali più salutari ha messo la batata rossa al primo posto. Questo tubero ha ottenuto il punteggio più alto proprio grazie all’elevata concentrazione di sostanze benefiche per il nostro organismo, non solo al suo interno ma anche e soprattutto nella buccia.

Se vi state chiedendo come utilizzare una batata rossa in cucina, la risposta è semplice. In tutte quelle ricette in cui usereste le normali patate o la zucca, dato che il sapore di questo tubero è a metà strada tra questi due più noti e utilizzati alimenti. Potrete ad esempio cucinare un risotto di batata, oppure invitare i vostri amici per gustare insieme delle ottime 'batate al forno'!

A differenza delle normali patate, però, la batata rossa può essere consumata anche cruda insieme alla sua buccia ben lavata (è ottima ad esempio nell'insalata).
Evitando la cottura, tra l'altro, si mantengono intatti tutti i valori nutritivi e le numerose proprietà di questo tubero. C'è da sottilineare poi che è soprattutto nella bucciache si trova una sostanza che sembra avere effetti benefici sulla riduzione del colesterolo e della glicemia: il Cajapo. Le statistiche dicono che nei paesi dove la batata viene consumata più frequentamente cruda (alcune regioni del Giappone) ci siano meno persone affette da malattie come diabete, ipertensione e anemia.


venerdì 31 luglio 2015

I frutti del nostro orto!

Reazioni: 
Prime due scatolette di pesto fatto in casa.....
Quest'anno ho acquistato due vasi di basilico....vediamo se riesco a mettermi da parte un po' di pesto e delle foglie secche per insaporire le pietanze!
Ho usato solo grana per questa ricetta (non avevo il pecorino in casa), comunque è riuscito bene lo stesso!!!!!
e poiiiiiii tanti fiori di zucca che nella frittata sono eccezionali :-)


venerdì 10 aprile 2015

Presepio Contrà Bariola....Sant'Antonio del Pasubio

Reazioni: 
Girovagando per la galleria del telefono ho trovato queste foto......anche se non in tema perchè è appena passata Pasqua....consiglio vivamente la visita a questo presepio....magari l'anno prossimo!!!!
Ti fa tornare indietro nel tempo e rivivere la vita che facevano i nostri nonni....